123rf


Nome: 123rf

Indirizzo: www.it.123rf.com

In breve: Microstock fondato nel 2005, ha oggi tre milioni di clienti sparsi in tutto il mondo e circa 200.000 fornitori di contributi, tra fotografi e illustratori che per essere accettati devono superare un test di ammissione relativamente facile.

Numero di file in archivio: 34 milioni

Tipologia di file presenti: Foto, illustrazioni, immagini vettoriali, video e audioclip

Sito in italiano: SI

Accetta foto editoriali: SI

Per chi compra: Le foto su si possono comperare con il meccanismo dei crediti o stipulando un abbonamento. Nel primo caso il prezzo minimo di un pacchetto è di 20 euro. Si ottengono altrettanti crediti che permettono di scaricare un numero variabile di foto in funzione di licenza e formato. Acquistando più crediti si hanno prezzi migliori. Con un pacchetto da 343 euro si ottengono, ad esempio, 400 crediti anziché 343. Per quanto riguarda gli abbonamenti, con 89 euro si possono scaricare cinque foto in formato XXL al giorno per un mese per un totale di 150 download. Ci sono formule di abbonamento intermedie sino ad arrivare a pagare 1.959 euro per avere diritto a scaricare entro un anno 26 foto XXL al giorno per un totale di quasi 10.000 foto. Alcune immagini sono disponibili esclusivamente in abbonamento. Controllate la presenza degli indicatori C e S sotto l’anteprima dell’immagine. Potrete così sapere se un’immagine è disponibile per Crediti (C), Abbonamento (S) o entrambi. A questo link i prezzi delle foto e degli abbonamenti.

Per chi vende: Riconosce ai fotografi royalty che variano in base al livello di vendite ottenuto nel 12 mesi precedenti. I compensi si sono molto abbassati e vanno dal 30% del prezzo di vendita di una foto al 60%. Peccato che per prendere il 60% bisogni ottenere più di un milione di crediti all’anno (una foto in bassa vale un credito e questo valore aumenta a seconda della risoluzione e del tipo di licenza). Chi ottiene tra 250 e 999 crediti all’anno guadagna solo il 35%. Anche per quanto riguarda le foto in abbonamento i compensi sono stati recentemente abbassati: 0,252 dollari per ogni vendita per chi è nella fascia tra 250 e 999 crediti. A questo indirizzo la tabella con i guadagni. Si riceve il pagamento il mese successivo a quello nel quale è stata raggiunta la soglia minima di 50 dollari.

La selezione degli esaminatori: La selezione non è velocissima (anche una settimana nei periodi di punta, ma la media è di tre giorni) ma non particolarmente severa: purché non abbiano errori marchiani passano quasi tutte le immagini proposte. Al contrario le foto di interni, come ad esempio le foto industriali, non vengono accettate se non in presenza della liberatoria relativa. Anzi, in genere questo sito è molto pignolo nel respingere le foto che potrebbero creare problemi, compresi monumenti ed esterni di palazzi storici.

II nostro parere: Oggi non è più tra i siti più gettonati dai compratori. I suoi prezzi sono sostanzialmente stabili, ma nel frattempo molti siti concorrenti hanno ridotti drasticamente diventando più competitivi di 123rf. Dal punto di vista di chi vende i prezzi pagati sono buoni soltanto per chi vende moltissime foto (per oltre un milione di crediti all’anno). Per chi ottiene meno di 250 crediti all’anno la commissione netta è del 30%. Per le foto scaricate in abbonamento il guadagno per questa fascia di fotografi è di soli 21 centesimi di dollaro per foto, compenso che sale di fascia in fascia sino ad arrivare a 43 centesimi. In genere non è un sito dal quale i fotografi ricavano molto.

Ritieni che valga la pena conoscere meglio questo sito per vendere o comperare foto? Inizia a registrarti gratuitamente facendo clic qui.